Vedute rinascimentali del Montefeltro

Per gli amanti dell’arte e del paesaggio una novità da non perdere:  dagli studi di Rosetta Borchia, artista e naturalista, e Olivia Nesci, geomorfologa, nasce il progetto “Vedute rinascimentali del Montefeltro”

Tutto iniziò da un ingrandimento fotografico che suggerì una straordinaria somiglianza tra i paesaggi dipinti nelle opere di Piero della Francesca e i paesaggi reali, della loro terra.

Dopo accurati studi sono stati identificati i punti di osservazione dai quali probabilmente l’artista ha tratto la sua ispirazione e da cui, ancora oggi,  è possibile rivedere gli scenari unici che sono diventati gli sfondi di grandi opere.

Un territorio che ancora oggi è un capolavoro, sta diventando un nuovo format di museo, all’aria aperta ed unico al mondo.

Con il progetto sono stati creati dei veri e propri balconi da cui godere dei panorami e confrontarli con le relative opere:

Balconi di San Leo da cui si possono ammirare i pasesaggi di due famose opere: il Ritratto di Battista Sforza e San Gerolamo e un devoto di Piero della Francesca,  dietro cui si staglia la Valmarecchia

Balconi di Urbania da cui si possono ammirare i paesaggi del Ritratto di Federico da Montefeltro e I Trionfi di Piero della Francesca, cher hanno alle loro spalle la Valle del Metauro